Salve, l’intervento di oggi non mi permette di dettagliare la procedura…., mi limiterò solo a scrivere il necessario per informare….!
Per chi è passato al “vista”, sicuramente si è accorto delle differenze rispetto al vecchio xp, soprattuto per quanto rigurda la protezione.
E’ una “cosa buona”, ma la libertà lo è ancor di più!
Passiamo alla pratica…… :D:D
Ad esempio, supponiamo di aver installato un programma shareware anche vecchio e che si trova ormai in versione free, ma che si deve scaricare e per alcuni utenti non è possibile perchè non dispongono di una connessione ad internet, a questo punto arriviamo al dunque…
Dopo aver installato il programma, in automatico si crea la cartella nella directory di C:\Programmi…. (come impostazione standard se il sistema operativo si trova in C), ed eccoci immersi nel casino del sistema perchè se ne appropria impedendoci le modifiche per proteggere i file, quindi….. :D:D basta fare un taglia ed incolla della cartella del programma in un’altra directory, ad esempio la spostiamo nel desktop dove abbiamo tutti i privilegi di amministratore del sistema e possiamo operare in totale controllo per apportare la modifica (il crack).
Fatto ciò la rimettiamo nella directory “originale” (in C:\Programmi|….) e come per magia al lancio del programma FUNZIONA!!!! 😀
Certo aggiungo che se poi qualcuno passa magari all’open source…………. bla bla bla! 😉
Crackare è una s-vista
5 (100%) 2 voto[i]